Venerdì 29 Luglio 2011

Amy Winehouse,ultimo duetto con Tony Bennett a studios Abbey Road

Roma, 29 lug. (TMNews) - L'"ultimo" duetto in studio Amy Winehouse lo ha fatto con uno dei suoi più grandi idoli: Tony Bennett, che aveva chiamato l'artista 27enne per rifare assieme una versione del classico jazz "Body and Soul" negli storici studios di Abbey Road a Londra. Lo ricorda Neil McCormick, un giornalista del Telegraph, passato alle cronache, come lui stesso afferma, per avere fatto l'"ultima intervista" alla cantante di "Rehab". "E' stata un'esperienza magica guardare questi due grandissimi talenti cantare assieme, le voci che si sovrapponevano, salendo e scendendo, con fraseggi e modulazioni jazz", ha raccontato il giornalista, che a marzo ha detto di avere visto una Amy "sulla strada della migliore ripresa". Indossava un abito cortissimo, era bella, appariva molto più sana di quanto non l'aveva vista in precedenza, abbronzata, i grandi capelli scolpiti attorno al volto dai lineamenti forti, ha scritto McCormick. L'85enne storico crooner l'aveva chiamata per registrare il pezzo e lei ne non poteva rifiutare. Si è scusata con lui per essere "nervosa", spiegando che da un po' non registrava: "E' bello essere in studio con Tony - aveva detto al giornalista del Telegraph - è l'unica ragione per cui sono qui". Amy, cresciuta dal padre ascoltando Tony Bennett e Frank Sinatra, ha registrato diverse take, non sembrava mai soddisfatta, ma non voleva neanche far perdere tempo al suo mito: "Sono la peggiore critica di me stessa - aveva confidato allora la star inglese - e se non ottengo ciò che ho in mente, allora non sono contenta". Era una Amy che parlava di musica, del suo amore per il jazz, di come modellasse la sua voce sul suono strumentale di Thelonious Monk e Charles Mingus, ispirandosi alle sue tre vocalist preferite: Sarah Vaughan, Dinah Washington e Minnie Ripperton. Un giorno - disse - avrebbe voluto registrare un album di puro jazz e magari studiare musica, imparare a suonare la chitarra o la tromba. Amy Winehouse forse non era pronta per fare un tour europeo, ma il suo spirito musicale era in ottima forma.

Cuc

© riproduzione riservata