Martedì 09 Agosto 2011

Crisi/ Bonino: L'Euro non basta, serve la federazione politica

Roma, 9 ago. (TMNews) - "Quello che manca e' l'assunzione di responsabilità di un ministero delle Finanze europeo. Non basta l'unione monetaria, la meta a cui bisogna tendere è l'unione politica, una federazione europea. E per far questo ogni Stato deve essere disposto a cedere un po' della propria sovranità in maniera egualitaria". Questa la ricetta per uscire dalla crisi indicata da Emma Bonino, intervistata dal quotidiano 'L'Unità'. Il leader radicale, al contrario di molti, non ha 'denunciato' il commissariamento dell'Italia, Anzi: "Invece di piangere per la sovranità nazionale persa a me viene da dire meno male che c'è qualcuno che corregge le nostre cantonate e i nostri endemici ritardi". Questo però non esclude l'urgenza di "interventi che qui in Italia di sarebbero dovuti fare da tempo". A riguardo "Non voglio speculare su ciò che dirà il governo giovedì, ma è chiaro che dovrà venire con proposte articolate perchè per ora ha dato solo 'titoli'". Sull'ipotesi di un governo tecnico, il ledere radicale ha chiarito: "questo e' un governo debole, ma la gravità della crisi politica in cui versa questo paese non si risolve con i governi tecnici, che non so bene come siano perchè comunque devono essere sostenuti da una maggioranza parlamentare. Non ci sono scorciatoie - ha chiarito Bonino dalle pagine de 'L'Unità' -. Noi abbiamo un problema di fondo: la mancanza dello stato di diritto fa sì che si creino leggi per poi violarle. Qui dobbiamo spegnere l'incendio, ma non serve l'artiglieria di Palazzo usata finora". Per far questo è necessario: "un intervento a livello nazionale. Vorrei usare il termine rivoluzione, perchè non è più tempo di aggiustamenti in un paese dove non tiene più niente. Non tiene la legge elettorale, non c'è giustizia, non c'è legalità. Questo e' il nostro dramma".

xrm

© riproduzione riservata