Giovedì 01 Settembre 2011

Siria/Ex procuratore generale denuncia esecuzioni di massa a Hama

Roma, 1 set. (TMNews) - Il procuratore generale della Siria, Adnan Bakkour, si è dimesso dopo aver visto con i suoi occhi, il 31 luglio scorso, l'uccisione di 72 prigionieri nella prigione di Hama, tra cui anche manifestanti pacifici. Lo riporta il sito web del Telegraph. In un video apparso ieri sera su Youtube, si vede un uomo, che dovrebbe essere appunto Bakkour, che annuncia la sua decisione di dimettersi a causa "del regime di Assad e delle sue bande". Nel video, oltre a dare conto dell'esecuzione dei 72 detenuti ad Hama in un solo giorno, Bakkour riferisce anche di aver visto 420 corpi sepolti in una fossa comune scavata in un parco pubblico. Inoltre, secondo Bakkour, sono almeno 10.000 i manifestanti pacifici si trovano attualmente rinchiusi nelle carceri siriane, mentre 320 detenuti sarebbero morti a seguito delle torture subite. L'agenzia di stampa siriana lo scorso lunedì ha riportato la notizia che Bakkour sarebbe stato rapito da ribelli armati nel villaggio di Karnaz, mentre si recava a lavoro ad Hama, nel centro del paese.

Plg

© riproduzione riservata