Giovedì 01 Settembre 2011

Facebook/ Zuckerberg guida top 50 'nuova elite' per Vanity Fair

Roma, 1 set. (TMNews) - Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg si conferma, per il secondo anno di fila, il numero uno nella 'New Establishment List', la classifica con cui la rivista Vanity Fair nella sua edizione statunitense incorona ogni anno i 50 esponenti della nuova elite mondiale. Per il 2011 il mensile prende atto di "una nuova ventata di pirati visionari, prodigi dell'ingegneria e imprenditori" con cui "l'Era dell'Informazione lascia spazio alla fiorente Età della Tecnologia" per usare le parole del direttore Graydon Carter. I creatori di Google Sergey Brin e Larry Page si piazzano al secondo posto, salendo così di un gradino rispetto al 2010. Seguono Jeff Bezos di Amazon (al numero 3), Tim Cook e Jonathan Ive della Apple (quarto posto) e Jack Dorsey, la cui mente geniale ha partorito sia Twitter che Square (quinto). Fra le apparizioni extra-Rete, si fanno notare artisti come Lady Gaga (al nono posto), il rapper Jay-Z (che fra l'altro è un imprenditore di successo con la sua Roc Nation) al 21esimo, il regista Tim Burton e l'attore Johnny Depp (insieme al 14esimo) o il poliedrico Justin Timberlake (al 50esimo). C'è anche la scrittrice di Harry Potter, J. K. Rowling (16esima). Da notare che cinque membri della nuova elite hanno una vera e propria ossessione - di certo favorita dall'ingente patrimonio - per il turismo spaziale: oltre a Brin e Bezos, si sono appassionati all'esplorazione celeste Elon Musk di Tesla Motors (31esimo), Peter Thiel del fondo di investimenti Clarium Capital Management (36esimo) e Dennis Crowley del social network 'Foursquare' (45esimo). Emerge infine che sempre più membri del "new establishment" provengono dall'università di Stanford: quest'anno gli ex studenti del prestigioso ateneo californiano sono addirittura otto, cosa che per Vanity si può tranquillamente descrivere come "una vera e propria mafia".

Spr

© riproduzione riservata