Martedì 06 Settembre 2011

11 set./ Obama criticato per mancata chiusura Guantanamo

Roma, 6 set. (TMNews) - Nonostante le promesse elettorali di Barack Obama, la maggior parte dell'apparato legislativo varato dall'Amministrazione Bush per l'emergenza della lotta contro il terrorismo rimane ancora in piedi e rischia di diventare "parte integrante del panorama giuridico" statunitense: è quanto pubblica il quotidiano britannico The Guardian. Le ong per la difesa dei diritti umani rimproverano in particolare ad Obama di non aver approfittato della possibilità di chiudere il carcere di Guantanamo: "Detenzione a tempo indefinito, restrizioni del principio dell'habeas corpus, le 'rendition': tutte pratiche che continuano anche sotto l'attuale Amministrazione, come le commissioni militari", spiega il legale Michael Ratner, presidente del Centro per i Diritti Costituzionali. "Tutte le restrizioni sulla sorveglianza governativa e lo spionaggio conquistate negli anni Settanta sono andate, siamo da capo: no esiste alcuna restrizione su quel che può fare l'Fbi, nessuna, e stanno prendendo di mira in particolare gli islamici; la fede religiosa è divenuta un criterio fondamentale di sorveglianza", ha concluso Ratner.

Mgi

© riproduzione riservata