Giovedì 15 Settembre 2011

Bce/ Taglia stime crescita Pil eurozona a +1,4 -1,8% per 2011

Roma, 15 set. (TMNews) - La Bce ha tagliato le stime di crescita economica dell'area euro per il 2011 e il 2012: l'incremento del Pil di Eurolandia dovrebbe attestarsi tra l'1,4 e l'1,8% quest'anno e tra lo 0,4 e il 2,2% il prossimo a fronte di una "forchetta" che nelle stime di giugno scorso era compresa tra l'1,5 e il 2,3% nel 2011 e tra lo 0,6 e il 2,8% nel 2012. In prospettiva - rileva la Bce - una serie di andamenti sembra frenare la dinamica di fondo dell'area dell'euro, fra questi la moderazione del ritmo di crescita dell'economia mondiale, con i connessi ribassi delle quotazioni azionarie e il peggioramento del clima di fiducia delle imprese, nonché effetti sfavorevoli derivanti dalle tensioni in atto in vari mercati del debito sovrano dell'area dell'euro. Di conseguenza, la crescita del PIL in termini reali dovrebbe aumentare a ritmo molto moderato nella seconda metà di quest'anno. Al tempo stesso il Consiglio direttivo della Bce "continua ad aspettarsi che l'attività economica dell'area dell'euro tragga beneficio dalla crescita in corso a livello mondiale, nonché dall'orientamento di politica monetaria accomodante e dalle varie misure adottate a sostegno del funzionamento del settore finanziario".

BOL

© riproduzione riservata