Sabato 24 Settembre 2011

Russia/ Patto acciaio Putin-Medvedev: tandem al potere sino 2036

Mosca, 24 set. (TMNews) - Non è solo la candidatura del primo ministro russo Vladimir Putin al Cremlino: oggi potrebbe essere stato confermato un assetto di potere per la Russia da qui al 2036. Il patto d'acciaio stretto tra lui e Dmitri Medvedev è ancora in essere e ha avuto la conferma con l'odierno congresso del partito Russia Unita dove il presidente russo Medvedev ha fatto un passo indietro e ha chiesto a Putin di correre per le elezioni presidenziali nel marzo 2012. A prescindere dalla vittoria praticamente certa, questo significa che Putin potrebbe candidarsi anche nel 2018 per un secondo mandato sino all'età di 72 anni, e Dmitry Medvedev potrebbe succedergli nel 2024, dice l'analista politico Vyacheslav Nikonov. Rimanendo in sella per altri due mandati sino al 2036 (ossia al 71esimo anno di età) grazie alla norma costituzionale cambiata pochi anni fa dallo stesso Medvedev, per un allungamento da 4 a 6 anni della carica presidenziale. Le previsioni svelano una stabilità politica rara ma inquietante, dove due uomini si continueranno ad avvicendare almeno per altri 7 lustri: Nikonov infatti non esclude che successivamente Putin possa essere sostituito da Medvedev. "Ciò significa che è possibile che noi conosciamo la configurazione del governo russo fino al 2036", ha aggiunto l'analista."A quanto pare, abbiamo assistito un bell'epilogo" ha detto Nikonov parlando a margine del congresso con la stampa. "Ora sappiamo la configurazione delle autorità russe per un periodo sufficientemente lungo. E' chiaro che Putin in questa situazione avrà l'opportunità di guidare la Russia nei prossimi 12 anni se niente di straordinario non accadrà".

Cgi

© riproduzione riservata