Siria/ Comunità internazionale si spacca su risoluzione Onu

Siria/ Comunità internazionale si spacca su risoluzione Onu Damasco: Giornata storica con veto di Russia e Cina

Siria/ Comunità internazionale si spacca su risoluzione Onu
Roma, 5 ott. (TMNews) - La comunità internazionale si spacca sulla risoluzione di condanna del regime siriano di Bashar al Assad, bloccata in Consiglio di Sicurezza dal veto di Russia e Cina, e i paesi occidentali che l'avevano proposta hanno deplorato il fatto. "E' un giorno triste per il popolo siriano", ha detto il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé, sottolineando che la Francia, con i suoi partner, aveva cercato di proporre al Consiglio di Sicurezza "un testo forte" per "rispondere alle preoccupazioni di tutti".Rabbia anche a Washington per l'esito del confronto al Palazzo di Vetro. "Gli Stati Uniti sono furiosi per il fatto che il Consiglio di Sicurezza abbia completamente fallito", ha commentato subito dopo il volto Susan Rice, ambasciatrice americana presso le Nazioni Unite. Il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha giudicato "deplorevole il fallimento della risoluzione sulla Siria", mentre per il capo della diplomazia italiana, Franco Frattini, il Consiglio di Sicurezza "certamente non è stato in grado di raggiungere degli obiettivi che erano a portata di mano"."E' un giorno molto triste per i coraggiosi siriani che stanno lottando per le libertà" ha commentato Frattini, a margine della V Conferenza Italia-America Latina in corso alla Farnesina. "Loro certo si aspettavano un'azione della comunità internazionale più energica, anche perché (nel testo del risoluzione votato al Palazzo di Vetro, ndr) non si parlava di una condanna - ha fatto notare il ministro - si parlava di doverose misure appropriate" che la comunità internazionale avrebbe adottato nei confronti di Damasco per indurlo a mettere fine alle violenze.Per il regime di Assad quella vissuta all'Onu è stata invece una "giornata storica, perché la Russia e la Cina, comenazioni, si sono messe al fianco dei popoli e contro leingiustizie", ha detto All'Afp Bouthaina Shaabane, consigliera politica di Assad. "Penso che i siriani siano contenti di constatare che esistono altre potenze nel mondo per contrastare l'egemonia e l'intervento militare negli affari interni dei paesi e dei popoli", ha aggiunto. "Russia e Cina, opponendo il loro veto, si sono messe al fianco del popolo siriano e ci hanno dato il tempo di attuare le riforme politiche, senza passare attraverso le sofferenze subite dall'Iraq, dalla Libia, dal Pakistan e dall'Afghanistan", ha aggiunto Shaabane, che ha ringraziato Mosca e Pechino.(fonte Afp)

© RIPRODUZIONE RISERVATA