Berlusconi/ Pm Roma orientati ad interrogare Tarantini

Berlusconi/ Pm Roma orientati ad interrogare Tarantini Accertamenti su tentata estorsione a premier vanno avanti

Berlusconi/ Pm Roma orientati ad interrogare Tarantini
Roma, 5 ott. (TMNews) - Gli inquirenti della Procura di Roma sono orientati ad interrogare presto Giampaolo Tarantini, nell'ambito dell'inchiesta sulla tentata estorsione ai danni del premier. A piazzale Clodio non è finito il lavoro - si spiega - con la decisione della scorsa settimana di inviare a Bari, per competenza, la posizione di Valter Lavitola, per l'accusa prevista dall'articolo 377 bis del codice penale, "induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria".Secondo quanto si è appreso il procuratore aggiunto Pietro Saviotti con il pm Simona Marazza non avrebbero ancora calendarizzato l'incontro con Tarantini, difeso dagli avvocati Alessandro Diddi e Pier Gerardo Santoro. In ogni caso è stata prevista ulteriore attività istruttoria nell'ambito del fascicolo trasmesso da Napoli. L'"atto urgente" dell'invio a Bari dei documenti è stata conseguenza - si sottolinea - dell'ordinanza del tribunale del riesame del capoluogo campano.Nel frattempo i pm romani d'intesa con la Procura di Bari decideranno quali passi compiere al fine di completare un quadro probatorio che presenterebbe alcuni punti da chiarire. Di qui la necessità di passare dagli interrogatori. Nell'inchiesta del pm Marazza sono indagati oltre a Lavitola, i coniugi Giampaolo Tarantini e Angela Devenuto, e due collaboratori dell'ex direttore dell'Avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA