Martedì 01 Novembre 2011

Crisi/ Bce interviene a sostegno di Btp Italia (fonti)

Milano, 1 nov. (TMNews) - La Banca centrale europea è tornata ad effettuare interventi calmieranti sui mercati obbligazionari, acquistando titoli di Stato dell'Italia mentre si riaccende l'allarme sui rischi di contagio della crisi sui debiti della Grecia. Lo riporta France Presse citando "operatori di mercato", proprio oggi che alla Bce inizia ufficialmente la presidenza di Mario Draghi, mentre da stamattina le emissioni del Belpaese sono ancora sotto alta tensione, dato che un referendum popolare in Grecia minaccia di rimettere in discussione tutti i piani antri crisi dell'Ue. Le tensioni si evidenziano con aumenti dei rendimenti, che sui Btp a 10 anni oggi hanno superato il 6,20 per cento. Intanto l'allarmismo ha portato ad un nuovo record del differenziale (spread) di rendimento tra Btp italiani a dieci anni e Bund della Germania, che ha toccato quota 441 punti base dopo l'allarme lanciato da Fitch. Secondo l'agenzia di rating il referendum della Grecia sulle nuove misure di risanamento concordate in cambio degli aiuti europei mette a repentaglio la stabilità e la "vitalità" stessa dell'area euro. Dopo il picco, lo spread segna una lieve limatura a 439 punti base. Materialmente significa che in base alle dinamiche di domanda e offerta, per trovare acquirenti i Btp devono offrire 4,4 punti percentuali di rendimento in più, rispetto alle emissioni tedesche, come maggiorazione sul premio di rischio.

Voz

© riproduzione riservata