Venerdì 04 Novembre 2011

G20/ Attesa oggi da Draghi lista Fsb su banche sistemiche

Cannes, 4 nov. (TMNews) - I leader del G20 intendono evitare che ci siano istituti finanziari troppo grandi per fallire ('to big to fail'). A questo proposito è attesa per oggi una prima versione della lista elaborata dall'Fsb sulle istituzioni di importanza sistemica (Sifi). La lista delle mega banche - si stima siano 29 - che dovranno essere sottoposte a coefficienti patrimoniali più stringenti sarà presentata a Cannes da Mario Draghi, nel suo ultimo atto a capo del Financial stability board. Lo stesso G20 dovrebbe nominare il suo successore e ad oggi tra i più accreditati vi è il governatore della Banca centrale del Canada, Mark Carney. Le tensioni sui mercati finanziari "sono aumentate a causa dei rischi sovrani in Europa" e "segni di vulnerabilità si stanno manifestando nei mercati emergenti". Permangono, quindi, "squilibri globali", recita la bozza della dichiarazione conclusiva del G20, in cui i leader riaffermano il loro impegno per "rilanciare la crescita economica, creare posti di lavoro e garantire la stabilità finanziaria". Ieri, il premier greco Georges Papandreou ha fatto marcia indietro sulla proposta di referendum sul piano di salvataggio per Atene che aveva fatto tremare i mercati. D'altro canto in Grecia si profila un governo di transizione. La crisi fa ballare la politica: proprio oggi si apre la campagna alettorale per le elezioni anticipate in Spagna. Quanto all'Italia, l'atteggiamento dei partner è di cautela. Il presidente francese Nicolas Sarkozy ad esempio ha espresso apprezzamento per il pacchetto di misure anti-crisi annunciato dall'Italia, ma sottolineando la necessità che adesso le riforme vengano attuate. "Berlusconi - ha detto Sarkozy nel corso di una conferenza stampa al termine della prima giornata del G20 a Cannes - ci ha riferito oggi i risultati della riunione del governo italiano. Ne abbiamo preso atto con interesse, ma anche lui sa che la questione non è il contenuto del pacchetto ma se sarà applicato". Ieri comunque i mercati hanno chiuso in rimonta, sollecitati dalla mossa a sorpresa di Mario Draghi che come primo atto a capo della Bce ha tagliato i tassi d'interesse d'un quarto di punto a 1,25%.

Aqu

© riproduzione riservata