Sabato 05 Novembre 2011

Colombia/ Morto in combattimento capo delle Farc, Alfonso Cano

Bogotà, 5 nov. (TMNews) - Il capo della guerriglia colombiana delle Farc, Alfonso Cano, è stato ucciso nel corso di combattimenti con l'esercito. Lo ha annunciato il governatore del dipartimento di Cauca, nel sudovest della Colombia. "Truppe di terra e dell'aviazione militare hanno effettuato operazioni tra i comuni di Suarez e Lopez de Mikay dove è stata segnalata la morte di Alfonso Cano", ha dichiarato Alberto Gonzalez. Una fonte dei servizi di intelligence militari ha confermato la notizia. "Abbiamo confermato la morte di Cano", ha dichiarato sotto copertura di anonimato. Alfonso Cano era diventato nel 2008 il capo della guerriglia delle Forze armate rivoluzionarie di Colombia (Farc, marxisti), in sostituzione del leader storico, Manuel Marulanda, stroncato da una crisi cardiaca a marzo. Esercito e polizia colombiana non avevano smesso di seguirlo, per indebolire il comando della guerriglia. Nel settembre 2010 Jorge Briceno, alias 'Mono Jojoy', il numero due delle Farc e il loro leader militare erano stati già uccisi. Nel 2008, la guerriglia delle Farc, fondata nel 1964 e che conta ancora 8mila combattenti secondo le autorità, aveva inoltre perso altri due dirigenti storici, oltre al suo principale fondatore Manuel Marulanda: i due membri dell'ufficio politico, Raul Reyes, ucciso in un bombardamento in Ecuador e Ivan Rios. Il gruppo aveva tentato di riorganizzarsi e intensificato le sue azioni. Il ministro della Difesa di Bogotà, Juan Carlos Pinzon, aveva annunciato la cattura del responsabile della sicurezza di Cano e segnalato che l'esercito cercava anche di confermare la morte della sua compagna.

Fco

© riproduzione riservata