Domenica 06 Novembre 2011

Maltempo/In Piemonte piogge in frenata, ma si attende la piena

Torino, 6 nov. (TMNews) - Le precipitazioni sul Piemonte si stanno attenuando, ma l'allarme alluvione e' tutt'altro che rientrato. Anzi e' ancora vivo il ricordo del 6 novembre 1994, giorno in cui da Alessandria ad Alba fino al vercellese, vaste zone finirono sott'acqua con un pesante bilancio di morti. A Torino, e in Piemonte si attende la piena del Po, che sta ricevendo dagli affluenti contributi importanti in queste ore. Ma anche altri fiumi dal Pellice al Sangone, fino alla Dora sono osservati speciali dalla Protezione Civile. Attorno a Torino, nei comuni della prima cintura, da Moncalieri a San Mauro fino a Pianezza i sindaci in queste ore moltiplicano le misure per mettere al sicuro la popolazione. E se a Pianezza si sta procedendo ad evacuare un palazzo, a Moncalieri il ponte sul Sangone, e' stato chiuso, cosi' come il tunnel di San Mauro. Nel capoluogo piemontese poi una parte dell'Ospedale Amedeo di Savoia che sorge nei pressi della Dora e' stato evacuato in via precauzionale. Circa 70 degenti sono stati ridistribuiti in altri ospedali cittadini. Mentre ben due ponti che attraversano la Dora sono stati chusi al transito. La piena del Po in citta' e' prevista in nottata e poi da li' a cascata in altre zone non solo del Piemonte. Secondo le previsioni metereologiche la perturbazione che sta colpendo il Nord Ovest non si puo' dire ancora archiviata e domani in serata le precipitazioni torneranno ad accanirsi. Intanto domani in citta' e in provincia, cosi' come in altre zone del Piemonte, nel cuneese in particolare le scuole di ogni ordine e grado rimarranno chiuse.

Prs

© riproduzione riservata