Gb; Spiragli positivi per economia, in ripresa consumi e export

Gb; Spiragli positivi per economia, in ripresa consumi e export Inatteso aumento consumi gennaio,cala deficit con estero dicembre

Gb; Spiragli positivi per economia, in ripresa consumi e export
Roma, 10 feb. (Apcom) - Possibili spiragli positivi perl'economia della Gran Bretagna, da mesi investita da una dinamicadi crisi che appare tra le più acute in Europa. A gennaio si èregistrato un inatteso recupero sulle vendite del commercio aldettaglio, un incremento dell'1,1 per cento su base annua -secondo i dati dell'associazione di categoria - dopo che adicembre erano calate del 2,2 per cento.Nel frattempo l'agenzia statistica del Regno ha riferito che perdicembre il disavanzo sugli scambi commerciali con l'estero si èridotto a 7,7 miliardi di sterline, contro 8,1 miliardiregistrati nel mese precedente. Migliora anche il saldo dipartite correnti, che include gli scambi sui servizi oltre aibeni, con il disavanzo calato a 3,6 miliardi di sterline dai 4miliardi del mese precedente.Per l'insieme del 2008 il bilancio degli scambi segna comunqueun peggioramento del disavanzo commerciale, a 93,2 miliardicontro gli 89,3 miliardi del 2007, ma i dati di dicembre fannosperare che il forte deprezzamento della sterlina dei mesipassati stia iniziando a far sentire i suoi effetti positivisull'export. Il deficit sull'insieme di beni e servizi è invececalato a 46,1 miliardi dai 46,6 del 2007.L'agenzia statistica precisa che a dicembre i dati sull'exportdepurati da energia e altre voci "erratiche2 hanno mostrato unaripresa dell1 per cento rispetto al mese precedente, mentrel'import è calato di pari entità. I dati grezzi mostrano cali damezzo punto per entrambe le poste, "prevalentemente a riflessodelle fluttuazioni dei prezzi petroliferi", si legge.Quanto all'andamento di consumi e vendite del commercio aldettaglio sul mercato interno, il direttore dell'associazione,Stephen Robertson, suggerisce che il recupero potrebbe esserstato favorito dall'attesa da parte delle famiglie dei saldi postnatalizi. In media per gennaio gli analisti prevedevano una nuovacontrazione delle vendite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA