Martedì 10 Febbraio 2009

Scuola; Tetti di spesa e libri on-line, Miur emana la circolare

Roma, 10 feb. (Apcom) - Contenimento dei costi per i testi scolastici e zainetti così meno pesanti, libri scaricabili da internet, risorse per le famiglie meno abbienti. Sono alcune delle novità introdotte da una circolare per l`anno scolastico 2009/2010 emanata oggi dal Ministero dell`Istruzione, dell`Università e della Ricerca. Con questa circolare vengono previsti alcuni cambiamenti nella scelta dei libri di testo da parte dei docenti delle scuole di ogni ordine e grado per il prossimo anno scolastico: a fianco del tradizionale libro a stampa gli istituti potranno scegliere testi scaricabili in tutto o in parte da internet. Le scelte, inoltre, non potranno essere cambiate per almeno cinque anni nella scuola primaria e 6 in quella secondaria. Rimane comunque la possibilità, per gli editori, di integrare i testi con appendici di aggiornamento, se necessario in relazione a modifiche dei programmi di insegnamento. Per limitare al massimo la spesa a carico delle famiglie le scuole potranno continuare a ricorrere al comodato d`uso gratuito e al noleggio dei testi scolastici. Le adozioni dei testi, che le scuole renderanno pubbliche, dovranno essere effettuate entro il prossimo 15 aprile per le classi di scuola secondaria di I grado (scuole medie) ed entro la fine di maggio per tutte le classi di scuola primaria (scuola elementare) e secondaria di II grado (scuola superiore). Per tutte le classi in cui sono presenti alunni con disabilità visiva, invece, le adozioni dovranno essere effettuate entro il 31 marzo. I libri di testo sono gratuiti per tutti gli alunni delle scuole elementari e vengono forniti attraverso la consegna di cedole librarie. Per gli studenti delle scuole medie e dei primi due anni delle scuole superiori appartenenti a famiglie meno abbienti, è invece possibile richiedere borse di studio e rimborsi parziali della spesa sostenuta per l`acquisto dei libri. Per questo le risorse finanziarie disponibili, assegnate complessivamente alle amministrazioni comunali, sono di 103.291.000 euro per i rimborsi alle famiglie e di 154.937.070 euro per le borse di studio agli alunni in obbligo scolastico. Con un decreto di prossima emanazione saranno definite le caratteristiche tecniche e tecnologiche dei libri di testo e i tetti di spesa per ciascuna classe di scuola secondaria di primo e di secondo grado.

Red/Sav

© riproduzione riservata