Giovedì 19 Febbraio 2009

Abi entra in Reti amiche, certificati e passaporti anche in banca

Roma, 19 feb. (Apcom) - Ritirare al bancomat un certificato anagrafico o lo stato di famiglia, rinnovare il passaporto in uno sportello bancario, pagare il ticket sanitario o i contributi Inps con il conto corrente online. Sono solo alcune delle opportunità che presto saranno possibili con risparmio di tempo per i cittadini e denaro per la pubblica amministrazione. Oggi infatti il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, e il numero uno dell'Abi, Corrado Faissola, hanno firmato un protocollo d'intesa per rafforzare la collaborazione con il settore bancario in vista della partecipazione delle banche al piano 'e-government 2012' e al progetto 'Reti amiche'. L'obiettivo dell'accordo, spiega l'associazione bancaria, è "consentire a cittadini e imprese di accedere ai servizi pubblici attraverso gli sportelli e tutti i canali innovativi del settore bancario". Con la partecipazione delle banche italiane, che l'Abi si impegna a promuovere, "la relazione tra pubblica amministrazione e cittadini potrebbe avvalersi di una rete presente in modo capillare su tutto il territorio nazionale con oltre 32mila sportelli, quasi 42mila Atm, 28 milioni di carte bancomat, più di 1,1 milioni di Pos, che raggiunge 12,2 milioni di cittadini col canale telematico dell'home banking e oltre 750mila imprese grazie all'infrastruttura del Corporate banking interbancario".

Glv

© riproduzione riservata