Giovedì 26 Febbraio 2009

Toscana; Uccide la moglie e scappa: arrestato cinese a Prato

Roma, 26 feb. (Apcom) - Cercava di fuggire attraverso i tetti di un capannone in località Oste di Montemurlo a Prato, nel quale vivevano numerosi connazionali che gli avevano offerto ospitalità. Braccato, però, dagli uomini della Squadra Mobile un cittadino cinese trentunenne responsabile dell'omicidio della moglie, è stato circondato ed arrestato. Qualche ora prima, in Via Pistoiese l'uomo, dopo l'ennesimo litigio con la donna, ventottenne anch'essa di nazionalità cinese e madre di una figlia di pochi mesi, aveva brandito un grosso coltello e l'aveva colpita all'addome uccidendola, per poi darsi alla fuga cercando di far perdere le proprie tracce. Gli agenti, intervenuti sul posto, nel raccogliere i primi elementi utili alle indagine hanno appreso da alcuni testimoni presenti, indicazioni su persone e luoghi presso cui l'assassino avrebbe potuto nascondersi. E' iniziato così l'inseguimento che ha portato gli operatori, alle prime ore di questa mattina, fino al capannone presso cui l'uomo si era nascosto. Dopo aver individuato il rifugio, gli agenti hanno circondato la zona e hanno fatto irruzione. Il cinese, nel tentativo di sottrarsi alla cattura, ha cercato di salire sui tetti del capannone ma è stato bloccato. L'uomo, irregolare sul territorio italiano, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per il delitto commesso. Il coltello, con lama di 30 cm, è stato ritrovato in un cassonetto porta-rifiuti nella piazzetta di S. Donnino dove era stato gettato dall'omicida nel tentativo di liberarsene.

Apa

© riproduzione riservata