Lunedì 02 Marzo 2009

Musei Vaticani, a gennaio aumentano i visitatori

Milano, 2 mar. (Apcom) - I Musei Vaticani resistono alla crisi che sta colpendo anche il settore del turismo: la prestigiosa istituzione ha infatti registrato nel mese di gennaio un aumento dei visitatori e si prevedono buone prospettive anche per il futuro e non si parla di tagli al personale. Un dato, quello dei Musei Vaticani, in controtendenza rispetto al resto d'Italia: in tutte le maggiori città d'arte, infatti, si è registrato, complice la crisi economica, un inizio d'anno difficile. Da Oltre Tevere non si nasconde la soddisfazione e si sottolinea il ruolo del direttore Antonio Paolucci, "che ha letteralmente rivoluzionato uno dei musei più famosi al mondo anche per la suo immobilismo". In sostanza il professore ha rinnovato i musei introducendo elementi tecnologici come la vendita di biglietti on-line, e commerciali, come la rilevazione della soddisfazione dei visitatori, o ancora prettamente culturali, come l'organizzazione di eventi paralleli. Grandi sforzi sono stati fatti anche per avvicinare questo museo, ormai vecchio di cinquecento anni, ai giovani. Sono così aumentate in maniera considerevole le visite scolastiche, nelle quali i ragazzi "pagano 4 euro per stupirsi di fronte al soffitto affrescato della Sistina, meno di una sosta al fastfood". Per quanto riguarda l'occupazione, i Musei Vaticani cercano anche in questo settore di marcare una differenza: il Vaticano sta infatti firmando una serie di accordi nazionali ed internazionali con altre realtà museali, che hanno lo scopo di salvaguardare il posto di lavoro a decine di addetti alla vendita che guardavano con timore al proprio futuro.

Lme

© riproduzione riservata