Giovedì 05 Marzo 2009

Crisi; Epifani: Interventi subito o Paese lentamente affonda

Roma, 5 mar. (Apcom) - Questa è una crisi economica in cui "le cose non vanno fatte dopo, ma prima" perchè "se fai tutto dopo il Paese lentamente affonda". Lo ha affermato il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, a margine della manifestazione del sindacato dei pensionati, Spi. Il leader della Cgil si è chiesto "quando arriveranno gli investimenti di 16 miliardi per le opere pubbliche". Epifani ha aggiunto che in questa fase "si deve concertare e bisogna muoversi". Sulle opere pubbliche "le cose andavano fatte sei mesi fa - ha concluso - temo che i tempi non saranno quelli, ma più lunghi. Gli effetti sul breve periodo sono dati da tanti piccoli interventi, tante piccole opere. I grandi progetti ci vogliono ma non si può pensare che risolvano i problemi dell'occupazione in due mesi. Per esempio, il ponte sullo Stretto fra sei mesi non avrà dato nessun posto di lavoro".

Vis/Lux

© riproduzione riservata