Giovedì 05 Marzo 2009

Bce; Taglia tassi di interesse all'1,5%, nuovo minimo storico

Roma, 5 mar. (Apcom) - La Banca centrale europea torna a ridurre i tassi di interesse, spingendosi a livelli mai visti prima mentre il deterioramento dell'economia nell'area euro non sembra arrestarsi. Un nuovo taglio da mezzo punto percentuale, secondo quanto deciso dal Consiglio direttivo riunito oggi a Francoforte, con cui il principale riferimento sul costo del danaro nell'Unione monetaria scende all'1,5 per cento, nuovo minimo nei 10 anni di storia della Bce. Ridotti di mezzo punto anche il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginali, al 2,5 per cento, e quello sui depositi tenuti dalle banche commerciali presso la stessa Bce, allo 0,5 per cento. Una mossa in linea con le attese di mercati e analisti. Proprio oggi Eurostat ha confermato la pesante contrazione accusata dal Pil dell'eurozona sugli ultimi tre mesi del 2008: meno 1,5 per cento dal trimestre precedente. Ma son stati rivisti in peggio sia i dati sui consumi, calati dello 0,9 per cento, sia quelli sull'export, crollato del 7,3 per cento. E l'inizio del nuovo anno non ha finora mostrato segnali di ripresa, anzi. Una delle indagini più recenti sulla situazione delle imprese, l'indice sui responsabili degli acquisti di febbraio ha segnato un nuovo minimo storico dell'attività a febbraio, con chiare ricadute sull'occupazione. Oggi l'agenzia di statistica della Germania, prima economia dell'area euro, ha riferito di un inatteso calo dei consumi a gennaio, mentre nei giorni scorsi il governo francese aveva rilevato un forte aumento sul numero di disoccupati per l'inizio del 2009. Oggi stesso la Bce potrebbe comunicare nuove revisioni peggiorative sulle sue stime per i Pil dei mesi a venire. Archiviata come da attese la decisione sui tassi, l'attenzione si sposta sulla consueta conferenza stampa del presidente Jean-Claude Trichet, alle 14.30, che oltre ad illustrare le decisioni del Consiglio dovrebbe rivelare l'aggiornamento trimestrale delle previsioni dei tecnici dell'Eurotower su economia e prezzi. Dopo aver effettuato quattro tagli consecutivi, il mese scorso la Bce aveva interrotto la sua manovra espansiva sui tassi, confermandoli al 2 per cento. Ma già in quell'occasione Trichet aveva aperto la porta a altre riduzioni. Oggi si cercheranno di cogliere possibili indicazioni su quanto ancora l'istituzione monetaria potrebbe spingersi con eventuali tagli. Voz

Voz

© riproduzione riservata