Giovedì 05 Marzo 2009

Furto di identità, coinvolto un consumatore su quattro

Roma, 5 mar. (Apcom) - Un consumatore su quattro è già stato coinvolto in un furto di identità. E' il risultato di un sondaggio condotto dall'Adiconsum, che denuncia la rapida crescita del fenomeno. Si tratta, spiega l'organizzazione dei consumatori, di "un crimine perpetrato senza che i malviventi entrino in casa vostra". Ci sono molti modi con i quali può essere rubata una identità: dal semplice furto del portafoglio, all`apertura dell`immondizia, fino alla ricerca di informazioni su internet. Solitamente le vittime se ne accorgono troppo tardi, quando iniziano a ricevere richieste di pagamento per rate andate insolute o addebiti per beni che non hanno acquistato. Nei casi peggiori si rischia di perdere la propria reputazione creditizia di buon pagatore e persino avere problemi a ottenere nuovi finanziamenti o mutui. Un fenomeno, sottolinea l'Adiconsum, ancora scarsamente conosciuto dal pubblico. Secondo il sondaggio, realizzato su 1.325 persone con il contributo di Fellowes-Leonardi, un consumatore su quattro ha avuto esperienza diretta o indiretta, tramite familiari e conoscenti, del furto d'identità. Le categorie più esposte sono quelle dei liberi professionisti e dei commercianti, soprattutto nel Centro Sud. I consumatori però prendono ben poche precauzioni: il 49% degli intervistati lascia memorizzate le proprie password sul computer, il 40% ancora non usa le carte prepagate per i propri acquisti online e il 55% getta documenti contenenti dati sensibili senza distruggerli. Per combattere il fenomeno e rispondere alle richieste dei consumatori l'Adiconsum ha istituito un osservatorio permanente, che ha già dato prodotto una guida intitolata "Difendi la tua privacy", disponibile presso le sedi dell'organizzazione e sul sito www.furtoidentita.com. Il portale, periodicamente aggiornato con documentazione e notizie sul problema, sarà il centro della campagna di informazione dell'associazione dei consumatori sul fenomeno, che si propone anche di sollecitare l'introduzione del furto d'identità nel codice penale.

Dpn

© riproduzione riservata