Lunedì 16 Marzo 2009

Documento Croce Rossa descrive torture Cia a prigionieri al Qaida

Roma, 16 mar. (Apcom) - In un suo rapporto segreto il comitato internazionale della Croce rossa afferma che i trattamenti adottati dall'amministrazione Bush nei confronti dei prigionieri di al Qaida "rappresentano degli atti di tortura". Lo rivela il quotidiano statunitense "Washington Post" sottolineando che il documento mette sotto accusa i metodi di interrogatorio utilizzati nelle prigioni della Cia. Il rapporto evidenzia le brutalità fisiche e psicologiche adottate da agenti dei servizi segreti Usa nelle prigioni della Cia all'estero, con metodi "crudeli, inumani e degradanti", vietati espressamente dalla convenzione di Ginevra. Il Washington Post sottolinea come il documento della Croce rossa internazionale si basi su testimonianze dirette ottenute da 14 detenuti, definiti dalla Cia di "alto valore", dopo il loro trasferimento nel 2006 nel campo di detenzione di Guantanamo. Secondo la Croce rossa internazionale i detenuti venivano privati del sonno, malmenati, esposti a temperature estreme e sottoposti al waterboarding (l'annegamento simulato, ndr). Il quotidiano della capitale afferma che almeno cinque copie del rapporto siano arrivate alla direzione della Cia e ai responsabili della Casa Bianca nel 2007. Per il momento la Cia non ha rilasciato commenti.

Bla

© riproduzione riservata