Mercoledì 18 Marzo 2009

Umbra Olii, rinviato a giudizio imprenditore per omicidio plurimo

Perugia, 18 mar. (Apcom) - Giorgio Del Papa, proprietario della Umbria Olii, lo stabilimento nel quale persero la vita in un incendio quattro manutentori nel 2006, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio colposo plurimo, disastro colposo e violazione delle norme sulla sicurezza del lavoro. Inoltre, il Gup Roberta Vicini ha conteggiato alle accuse anche un'aggravante: ovvero "la colpa con previsione dell'evento". L'indagato aveva chiesto la ricusazione del Tribunale di Spoleto, ma è stata respinta. Nella strage di Campello del 2006 persero la vita Maurizio Manili, di 45 anni, titolare di una piccola ditta di carpenteria di Narni, ed i suoi operai, Tullio Mottini e Giuseppe Coletti, entrambi di 48, e l'albanese Vladimir Todhe, di 44, tutti residenti in provincia di Terni. Erano stati chiamati dall'azienda - come già accaduto in altre cinque circostanze - per delle opere di manutenzione monitoraggio dei silos dove venivano raffinati oltre 500mila litri di olio.

bnc

© riproduzione riservata