Martedì 19 Maggio 2009

Scuola; Riforma superiori, dal 2010 massimo 32 ore settimanali

Roma, 19 mag. (Apcom) - Dall'anno scolastico 2010/2011 anche gli studenti frequentanti un corso superiore tecnico o professionale svolgeranno non oltre 32 ore settimanali: il decremento numerico di offerta formativa, che per i professionali è decisamente sensibile perchè nell'arco di pochi anni corrisponde al 20%, è contenuto nella bozza di regolamento degli istituti superiori in questi giorni al vaglio del Consiglio nazionale della pubblica istruzione. In base ad alcune indiscrezioni, nei tecnici manterranno l'attuale assetto orario di 34/36 ore settimanali solo gli studenti delle quarte e quinte. Nei tecnici viene confermata anche la semplificazione degli indirizzi di studio, che passeranno da 47 a 11, come anche più volte sostenuto dal mondo del lavoro e da Confindustria. Stessa sorte occherà ai professionali, dove si passerà da quasi mille diversi diplomi a sole poche decine. L'accorpamento o l'eliminazione delle specializzazioni comporterà anche un allargamento delle classi di concorso d'insegnamento: la riforma comporterà infatti, come conseguenza della riduzione di ore, la sovrannumerarietà di almeno 10-15 mila docenti di ruolo. Che però, grazie alla parallela possibilità introdotta dal Miur di insegnare su altre materie, direttamente o attraverso dei brevi corsi abilitanti, potranno ricoprire delle cattedre vacanti di nuovo come titolari. Il nuova assetto della superiori riguarderà anche i licei (alcune tipologie spariranno, altre verranno introdotte): per gli studenti liceali però il numero di ore rimarrà sostanzialmente in linea con quello attuale. Complessivamente le novità in via di approvazione riguarderanno, una volta approvate ed introdotte a regime, circa 2 milioni e mezzo di studenti. Il parere del Cnpi, comunque non vincolante, si attende entro i prossimi giorni: il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, ha infatti già annunciato che conta di presentare ufficialmente il regolamento non oltre le prossime due settimane.

Alg

© riproduzione riservata