Sabato 30 Maggio 2009

Fiat, su Opel Magna la spunta sul Lingotto,via libera da Berlino

Berlino, 30 mag. (Apcom) - Sarà Magna a rilevare il controllo di Opel da General Motors. Dopo aver raggiunto un accordo di massima con Gm nel pomeriggio di ieri, il fornitore austro-canadese si è assicurato anche il via libera del governo tedesco. Berlino sostiene la proposta di Magna, ha annunciato poco dopo le 2 di notte il ministro federale delle Finanze, Peer Steinbrueck, al termine di una lunga riunione in cancelleria federale a Berlino. "E' stata trovata una soluzione per tenere in vita Opel", ha detto Steinbrueck. Inoltre è stata raggiunta un'intesa anche sul modello dell'amministrazione fiduciaria temporanea e sul prestito-ponte da 1,5 miliardi di euro necessario per assicurare la sopravvivenza di Opel nel caso - ormai alle porte - di un'insolvenza di Gm. Per lo Stato la soluzione prevede rischi sì elevati, ma giustificabili davanti ai contribuenti, ha precisato Steinbrueck. Se la decisione finale sul futuro partner di Opel spetta a Gm, il sì del governo tedesco è fondamentale, in quanto da Berlino arrivano le garanzie pubbliche sul finanziamento-ponte. Fiat ha deciso di non partecipare al nuovo vertice di oggi a Berlino, cui hanno preso parte tra gli altri il cancelliere Angela Merkel, i ministri dell'Economia, Karl-Theodor zu Guttenberg, e degli Esteri, Frank-Walter Steinmeier, i governatori dei Laender con stabilimenti Opel, i vertici di Magna e rappresentanti di Gm e del Tesoro statunitense. Il Lingotto - si legge in una nota - non intende assumersi rischi "inusuali" nel negoziato per l'acquisizione della società automobilistica tedesca. La vicenda Opel "sta assumendo i toni di una soap opera brasiliana in un anno elettorale", aveva commentato l'amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne.

Red

© riproduzione riservata