Venerdì 05 Giugno 2009

Voli Stato; Berlusconi: Sono aumentati per colpa della crisi

Roma, 5 giu. (Apcom) - "La questione dimostra la piccineria, la meschinità e l'invidia personale della sinistra. Di voli di Stato ne abbiamo fatti più del governo precedente perchè ci siamo trovati in mezzo ad una crisi e siamo dovuti andare in giro per il mondo". Lo afferma il premier Silvio Berlusconi, ospite di 'Radio anch'io', a proposito dei voli di Stato. Parlando poi delle persone che viaggiavano a bordo di questi aerei, Berlusconi sottolinea: "Quando un aereo vola, il suo costo è indipendente al fatto che al presidente del Consiglio si aggiungano 3 o 4 persone. Io sono solito lavorare sull'aereo ed infatti nell'ultimo volo ho portato dei grafici pubblicitari senza che questo comporti un euro in più per lo Stato". E sui cantanti a bordo, il Cavaliere dice: "Io offro a mie spese ad ospiti internazionali cene e spettacoli e c'è stata un'occasione in cui un cantante ha preso quel volo non essendoci più voli di linea. Quello che il premier organizza è a suo carico e non ci sono oneri per lo Stato".

Tom

© riproduzione riservata