Venerdì 05 Giugno 2009

Emilia R.; Lavoro, Ausl: Il 34% dei cantieri edili è irregolare

Roma, 5 giu. (Apcom) - Irregolare più di un cantiere edile su tre (34%), con il 20% dei ponteggi insicuri e scarsa sicurezza sui tetti. E', in sintesi, il dato che emerge dai controlli effettuati dal 25 al 30 maggio dai servizi di prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro e dalle unità operative impiantistiche antinfortunistiche delle Ausl di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza. Sono 253 i controlli eseguiti in area vasta nord, più di un terzo (85) sono risultati irregolari, anche se la situazione sembra migliorata dalle ispezioni effettuate nell'autunno scorso, quando la percentuale di irregolarità era al 36%. Per la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro sono state elevate 140 sanzioni per complessivi 805mila euro. I controlli hanno riguardato in particolare i rischi di caduta dall'alto, di sprofondamento e seppellimento negli scavi, la sicurezza degli impianti elettrici e delle macchine da cantiere, che notoriamente sono le principali cause di infortuni gravi e mortali. Nella regione sono previsti controlli in 5mila cantieri l'anno, secondo quanto disposto dal piano nazionale. Nei cantieri ispezionati dalle Ausl operano 441 imprese e 1.327 addetti complessivi di cui ben 409 lavoratori autonomi (31% degli addetti). Quasi il 20% dei ponteggi presentava irregolarità di diversa natura e analoga percentuale di irregolarità è stata riscontrata nelle lavorazioni sui tetti. Le carenze erano tali da comportare pericolo per i lavoratori nel 34% dei cantieri. Sono stati rilasciati 113 verbali di contravvenzione, l'82 % nei confronti delle imprese e il 18 % nei confronti delle altre figure responsabili, soprattutto coordinatori per la sicurezza e in alcuni casi anche i committenti dei lavori. In un cantiere le violazioni riscontrate erano tali da indurre l'effettuazione di un sequestro preventivo. Su 82 gru controllate solo una è risultata irregolare. Nessuna presentava pericolo di ribaltamento e rischio per le aree esterne ai cantieri. "Il dato al 34% sembra indicativo di una lievissima tendenza al miglioramento delle condizioni di sicurezza nei cantieri - si sottolinea - pur nella persistenza di gravi violazioni". Le irregolarità prevalenti riguardano l'inosservanza delle norme connesse con il rischio di caduta dall'alto. In particolare ben 88 irregolarità sulle 140 complessivamente riscontrate riguardano questo rischio. E le carenze riscontrate sono coerenti con i dati statistici che individuano la caduta dall'alto come prima causa di infortunio grave e mortale. Anche in Emilia, si conferma quindi l'esigenza di quanto indicato dai piani nazionale e regionale per la prevenzione degli infortuni in edilizia che pongono come priorità il controllo dell'applicazione delle misure di sicurezza contro il rischio di caduta dall'alto. Il numero medio di dipendenti delle 441 imprese controllate è di soli 2 lavoratori a conferma dell'elevato processo di "destrutturazione delle imprese, fattore che influenza negativamente le capacità organizzative e tecniche delle stesse ad attuare le misure di sicurezza". "Sistematico" il ricorso alla catena dei subappalti verso imprese sempre più piccole, "rilevante" il fenomeno delle imprese individuali senza dipendenti (31% nei cantieri controllati). Progettazione, organizzazione e gestione della sicurezza "restano marginali e attuate in modo puramente formale", sottolineano le Ausl. Oltre il 30% (43 su 140) delle contravvenzioni riscontrate riguardano sostanziali irregolarità organizzative.

Red/Gtz

© riproduzione riservata