Giovedì 18 Giugno 2009

La foresta australiana il più grande serbatoio naturale di CO2

Roma, 18 giu. (Apcom) - Contrariamente a quanto finora ritenuto, non sono le foreste pluviali l'ecosistema terrestre con maggiore capacità di sequestro dell'anidride carbonica. Una ricerca dell'Australian National University dimostra, infatti, che la riserva con la maggior quantità mondiale di carbonio al mondo, per unità di superficie, è proprio una foresta australiana, nello Stato del Victoria. L'indagine - i cui risultati sono pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) - ha studiato i dati relativi alle biomasse di 132 foreste presenti sul pianeta, al fine di individuare in quale regione vengono immagazzinate le maggiori quantità di anidride carbonica. L'aver scoperto che tale primato spetta ad una foresta vecchia di secoli e situata in una zona temperata dell'Australia, smentisce la convinzione secondo cui sono le foreste tropicali le migliori "sequestratrici" naturali di CO2. La ricerca ha evidenziato che, mentre una foresta tropicale riesce a conservare dalle 200 alle 500 tonnellate di CO2 per ettaro, le foreste Mountain Ash del Victoria (con alberi vecchi anche 350 anni) ne catturano quasi il quadruplo, ben 1900 tonnellate per ettaro. Non solo. Dati paragonabili, seppur inferiori, sono stati riscontrati dai ricercatori in altre foreste situate in zone temperate della Nuova Zelanda, del Cile e della costa pacifica del Nord America. La erronea convinzione che i migliori serbatoi di anidride carbonica siano le foreste tropicali si basa sul fatto che queste sono le più produttive dal punto di vista biologico e che hanno il maggiore tasso di crescita. Senza però considerare che circa la metà dell'anidride carbonica di una foresta è "sequestrata" negli alberi caduti ed in altro materiale organico vegetale morto. E nelle foreste tropicali questo materiale si decompone molto più rapidamente, rimettendo così in circolo la CO2. Diversamente in una foresta temperata il ciclo di decomposizione - e quindi il rilascio di CO2 - avviene molto più lentamente, pur essendoci comunque un buon tasso di crescita delle piante a causa del clima favorevole.

Cep

© riproduzione riservata