Giovedì 18 Giugno 2009

Europarlamento; Niente accordo Berlusconi-Tusk su presidenza

Bruxelles, 18 giu. (Apcom) - Nulla di fatto al vertice Ppe, in corso a Bruxelles, nel negoziato a tre tra il premier polacco Donald Tusk, l'italiano Silvio Berlusconi e il capogruppo del Ppe, Joseph Daul, durante il quale si sarebbe dovuta cercare "una soluzione politica" per decidere una candidatura unica dei popolari alla presidenza dell'Europarlamento. Restano in campo, dunque, sia il candidato italiano del Pdl Mario Mauro che quello polacco di Piattaforma civica, Jerzy Buzek, con la prospettiva che si decida con un voto quale dei due sarà ufficialmente sostenuto dal Ppe, durante la riunione del gruppo del 7 luglio prossimo. E' stato lo stesso Tusk a riferire ai cronisti polacchi l'esito negativo della riunione. "Ho l'impressione - ha detto il premier polacco - che la nostra determinazione sia più grande di quella italiana, visto che Berlusconi ha indicato suoi candidati in più direzioni, nominando anche Franco Frattini come 'buon canditato'" per la successione di Javier Solana a rappresentante della politica estera Ue. Tusk ha osservato che non si aspettava che Berlusconi cambiasse posizione, e ha detto di comprenderlo, concludendo che la soluzione alla controversia interna al Ppe ci sarà solo il 7 luglio con il voto nel gruppo, per decidere un candidato unico alla presidenza dell'Europarlamento.

Loc/

© riproduzione riservata