Giovedì 18 Giugno 2009

Sisma Abruzzo;Terremotato:Dobbiamo pagare per entrare nei camping

Roma, 18 giu. (Apcom) - Nei camping degli sfollati in Abruzzo si paga per entrare, a meno che non ci si viva. È quanto almeno accade nel campeggio Salinello di Tortoreto, provincia di Teramo, dove un biglietto per entrare costerebbe 5 euro. È un terremotato (domiciliato sulla costa dopo il sisma), ricercatore precario, Stefano Falone, a raccontare la vicenda con una lettera inviata a La Repubblica. Precisando di avere testimoni che potrebbero confermare l'accaduto, il ricercatore racconta che il 14 giugno si è recato con la ragazza al campeggio Salinello per andare al compleanno di cugino di lei. "Come le volte precedenti, entro alla reception pronto a dare il documento, per ricevere in cambio il bracciale di riconoscimento per poter circolare liberamente all'interno dell'impianto. Questa volta, però, la signorina chiede gentilmente di 'pagare l'ingresso'". Dieci euro in tutto, 5 ciascuno. "Non voglio litigare - racconta Stefano - quindi chiamo la madre della mia ragazza che è domiciliata al Salinello. Arriva la signora ma non c'è verso di fare capire alla signorina della reception che se siamo lì non è per una gita di piacere, né per la tintarella. C'è addirittura un padre (sempre sfollato, ovviamente) che dovrà pagare per andare a trovare il figlio per il suo compleanno. Niente". "Cominciano ad alzarsi i toni e alle nostre proteste nel sentirci dire che i domiciliati sono liberi di uscire per incontrarsi con chi vogliono, seguono sconcertanti frasi dal tono vagamente umiliante: 'Ma vi ci trovate tanto bene nella parte?'. Personalmente trovo schifoso il comportamento della direzione, lo concretizzo con un 'dovreste solo vergognarvi!' ed esco". "Mi chiedo quante volte alcune strutture vogliono fare cassa, per l'ospitalità che 'offrono'. Una volta dallo Stato e una volta dagli stessi terremotati. Mi chiedo chi sono i veri sciacalli. Mi chiedo persino se non siamo troppo fessi noi che ci facciamo trattare così. Mi chiedo - conclude il terremotato - chi dovrebbe tutelare delle persone che oltre alla casa, agli affetti, al lavoro, stanno perdendo persino il rispetto degli altri".

Sav

© riproduzione riservata