Afghanistan; Al via operazione "colpo di spada" contro talebani

Afghanistan; Al via operazione "colpo di spada" contro talebani La più massiccia operazione militare dai tempi del Vietnam

Afghanistan; Al via operazione colpo di spada contro talebani
Kabul, 2 lug. (Ap) - Si tratta della più vasta operazione militare dai tempi del Vietnam: migliaia di soldati americani, appoggiati da blindati ed elicotteri, hanno lanciato una massiccia operazione contro i villaggi ancora nelle mani delle forze talebane nel sud dell'Afghanistan.L'offensiva - la prima operazione di grande rilievo dall'inizio del mandato di Barack Obama - denominata "Khanjar", che significa "colpo di spada" (Strike of the Sword), è iniziata poco dopo la mezzanotte locale e ha come primo obiettivo quello di "bonificare" dai talebani prima delle elezioni presidenziali del 20 agosto la zona di Helmand, regione di massima produzione mondiale di oppio."Khanjar" prevede una prima fase di 36 ore molto aggressiva; al momento i marines non hanno avuto "alcun contatto con i nemici", riferiscono le fonti. Un portavoce militare americano, William Pelletier, ha detto che gli Usa sono pronti a subire perdite, ma ha sottolineato che è "assolutamente necessario che nessun civile resti ferito" nelle operazioni.Secondo i dati forniti dal Pentagono sono circa 4.000 i Marines in azione assieme a 650 soldati e poliziotti afgani. Un'offensiva parallela era stata lanciata la settimana scorsa dalle forze britanniche nelle province di Helmand e di Kandahar."Dove arriveremo ci fermeremo e dove ci fermeremo manterremo il controllo e lavoreremo per assicurare la transizione e il passaggio di tutte le responsabilità alle forze afgane", ha dichiarato il generale americano Larry Nicholson.Al momento l'Isaf (la International Security Assistance Force della Nato) è costituita da 61.130 uomini e donne provenienti da Stati uniti (28.850 soldati), Canada, Australia, Giordania, Nuova Zelanda e diversi paesi europei fra cui l'Italia. In Afghanistan sono presenti anche gli uomini della missione Enduring Freedom, a guida americana e non Nato, che opera essenzialmente nell'est dell'Afghanistan al confine con il Pakistan: a dicembre 2008 contava 17.100 soldati.Il presidente Usa Obama si è impegnato ad inviare altri 21.000 militari in Afghanistan, molti dei quali provenienti dall'Iraq, per sconfiggere la resistenza talebana e collaborare all'addestramento delle forze di sicurezza afgane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA