Domenica 05 Luglio 2009

G8; Berlusconi: Mi dispiace,con Africa non rispettati gli impegni

Roma, 5 lug. (Apcom) - Il premier Silvio Berlusconi ammette di non aver rispettato gli impegni assunti dall'Italia verso l'Africa al vertice di Gleneagles, chiede scusa ma, assicura, "entro tre anni torneremo in linea con i nostri impegni" e annuncia la propria adesione al Fondo per la sicurezza alimentare che il presidente americano Obama vuole creare. Intervistato da Bob Geldof per la Stampa, il presidente del Consiglio dice che la colpa del ritardo nei pagamenti sta nel fatto di aver trovato, dopo i due anni di governo Prodi, "un debito del 110% rispetto al Pil". Poi, "a causa della crisi economica, questo debito è salito al 120% e l'Ue non ci permette di restare a questi livelli. Nel fare la legge finanziaria il Parlamento ha deciso di limitare le spese. Ci è dispiaciuto ridurre anche gli aiuti all'Africa e su questo abbiamo aperto un dibattito. Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, si è impegnato a tornare in linea con i nostri impegni entro tre anni". "Quando si assume un impegno bisogna mantenerlo - riconosce Berlusconi - e noi siamo in ritardo e questo ritardo dobbiamo colmarlo. Mi dispiace di non aver mantenuto le promesse, abbiamo commesso un errore, ci siamo fatti prendere da tutte le cose che ci sono cadute addosso. La crisi, il terremoto. Abbiamo anche una situazione di forte contrasto con l'opposizione, giudici che ci attaccano...". Il premier quindi fa sapere che nel corso dell'incontro con Obama alla Casa Bianca, il presidente americano "ha detto che vuole creare un fondo per la sicurezza alimentare. Ha promesso di stanziare un miliardo di dollari per i prossimi quattro anni e ora chiede che gli altri otto paesi del G8 mettano un altro miliardo. Io darò una risposta positiva".

Luc

© riproduzione riservata