Borsellino; Napolitano:Eroico protagonista battaglia per legalità

Borsellino; Napolitano:Eroico protagonista battaglia per legalità Capo dello Stato invia messaggio alla signora Agnese Borsellino

Borsellino; Napolitano:Eroico protagonista battaglia per legalità
Roma, 19 lug. (Apcom) - Paolo Borsellino, un eroico protagonista della battaglia per la legalità e la difesa dello Stato democratico. La sua dedizione e passione civica rappresenta "eredità preziosa per la mobilitazione della società civile - e in specie delle nuove generazioni - nell'opporsi e reagire alle intimidazioni e agli attacchi della criminalità". Nel 17esimo anniversario dell'attentato di via D'Amelio a Palermo il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato alla signora Agnese Borsellino un messaggio in ricordo del giudice."A diciassette anni dal tragico attentato di via D'Amelio, rendo commosso omaggio alla memoria del giudice Paolo Borsellino e degli agenti addetti alla sua sicurezza, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina. Paolo Borsellino - scrive il Capo dello Stato - fu eroico protagonista della battaglia per la legalità e la difesa dello Stato democratico, con la quale si era pienamente identificato, e sapiente costruttore di validi presidi giuridici e istituzionali capaci di contrastare efficacemente la criminalità organizzata. Così l'ho ricordato insieme a Giovanni Falcone, a Palermo, il 23 maggio scorso, come esempio di abnegazione fino all'estremo sacrificio nella lotta contro le forze del crimine, della violenza, dell'anti-Stato. La memoria della sua dedizione e passione civica - prosegue Napolitano - resta indelebile in tutti e rappresenta eredità preziosa per la mobilitazione della società civile - e in specie delle nuove generazioni - nell'opporsi e reagire alle intimidazioni e agli attacchi della criminalità. Con affetto e solidale partecipazione sono vicino a lei, ai suoi figli e ai familiari delle giovani vittime della strage, rinnovando la gratitudine dell'intero paese".

© RIPRODUZIONE RISERVATA