Bankitalia: nel 2009 calano occupati nelle imprese, di più al Sud

Bankitalia: nel 2009 calano occupati nelle imprese, di più al Sud Indagine su industria e servizi, occupazione prevista a -2,1%

Bankitalia: nel 2009 calano occupati nelle imprese, di più al Sud
Roma, 29 lug. (Apcom) - La crisi economica avrà un forte impattosull'occupazione nelle imprese italiane, che a fine annoprevedono un calo degli addetti di oltre il 2%. Lo rileva laBanca d'Italia in un'indagine sulle imprese industriali e deiservizi realizzata nei primi mesi del 2009. Se l'anno scorso ilivelli occupazionali sono rimasti stazionari rispetto al 2007(+0,1%), per quest'anno le aziende si aspettano una contrazionedel 2,1% (-3,3% nell'industria in senso stretto e -0,7% nelterziario). Il numero degli addetti calerà in tutti i settori, aeccezione di quello dei servizi a imprese e famiglie (0,3%). NelMezzogiorno, in particolare, il calo degli occupati (-2,4%) saràmaggiore rispetto alle regioni del Nord e del Centro (-2%).Nel 2008 - spiegano i ricercatori di Palazzo Koch - c'è stata"una sostanziale stabilità dei livelli occupazionali rispetto aquelli dell'anno precedente (0,1%), derivante da un incrementodegli occupati nei servizi (0,9%) e da un calo nell'industria(-0,7%)". I programmi formulati dalle aziende nell'indagineprecedente (+1,6% per i servizi e -0,3% per l'industria) "sonorisultati lievemente più ottimistici delle realizzazioni".Il settore tessile ha avuto la flessione più significativa(-2,6%) mentre, a livello geografico, sono le imprese industrialidel Mezzogiorno "a segnare la più forte riduzione mediadell'occupazione (-2,3%)". Il calo occupazionale riguardasoprattutto le aziende con 20-49 addetti (-1,6% per leindustriali e -2% per quelle dei servizi). Per le imprese con 500addetti e oltre, "si segnala una diminuzione degli addetti dello0,3% nell'industria e un incremento di 1,3% nei servizi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA