Quaranta turisti intossicati in un villaggio turistico a Crotone

Quaranta turisti intossicati in un villaggio turistico a Crotone Procura ipotizza reato di avvelenamento volontario dei pozzi

Quaranta turisti intossicati in un villaggio turistico a Crotone
Crotone, 29 lug. (Apcom) - Una quarantina di ospiti di unvillaggio turistico di "Le Castella" a Isola Capo Rizzuto inprovincia di Crotone sono rimaste intossicate nei giorni scorsi.Tutti hanno fatto ricorso alle cure mediche, è tutti accusavanoattacchi di diarrea, conati di vomito, mal di testa ed in qualchecaso perdita di conoscenza.La struttura residenziale alberghiera che era piena e contavacirca 700 ospiti è stata parzialmente sequestrata dalla Procuradi Crotone che indaga sull'episodio. Sono stati sequestrati itubi dell'acqua e questo ha reso inabitabile il villaggio che siè completamente svuotato, costringendo i titolari (il Villaggio edel Gruppo IGV,I grandi Viaggi) ad alloggiare gli ospiti in altrestrutture ricettive della zona.Pierpaolo Bruni, sostituto procuratore della repubblica diCrotone, dal suo ufficio, al telefono conferma ad ApCom che almomento l'ipotesi di reato contro ignoti, è quella diavvelenamento di acque destinate al consumo umano. "Abbiamoprovveduto - ha detto Bruni- a sequestrare i tubi dell'acqua, enei prossimi giorni avremo i risultati di laboratori sull'acquadel pozzo che serviva il villaggio".Bruni che conduce le indagini, è convinto che qualcuno possa avercontaminato deliberatamente i serbatoi dai quali viene erogatal'acqua potabile in tutto il villaggio, considerato anche chenessuna delle strutture turistiche e delle abitazioni privateservite dalla rete idrica pubblica ha accusato problemi. "Neiprossimi giorni potremmo saperne di più", ha detto Bruni.Intanto nella giornata di oggi l'ambasciata slovena ha fattosapere che anche dei cittadini sloveni sono ricoverati in gravicondizioni negli ospedali di Bratislava dopo il loro rientro inpatria da Isola Capo Rizzuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA