Afghanistan, Nato: Meno raid aerei, ma aumento caduti non c'entra

Afghanistan, Nato: Meno raid aerei, ma aumento caduti non c'entra Portavoce: Nuove direttive mirate a ridurre vittime civili

Afghanistan, Nato: Meno raid aerei, ma aumento caduti non c'entra
Bruxelles, 29 lug. (Apcom-Nuova Europa) - In Afghanistan la Nato sta applicando una nuova direttiva del nuovo comandante Isaf, il generale Usa Stanley McChrystal, mirata a ridurre le vittime civili attraverso un uso più giudizioso del supporto aereo alle truppe di terra. Lo ha ribadito il portavoce dell'Alleanza atlantica James Appathurai, escludendo però che il minor utilizzo dei bombardamenti aerei sia responsabile dell'aumento dei caduti militari nelle ultime settimane. "E' una conclusione facile da trarre ma non è quella giusta", ha riferito.Appathurai ha spiegato che la nuova direttiva "ha drasticamente ridotto le operazioni di 'close air support' per ridurre le vittime civili. Si tratta di un cambiamento di filosofia, siamo passati dalla priorita' alla caccia ai 'cattivi' a quella alla protezione della popolazione civile". Il portavoce ha subito aggiunto che "la vita di ogni soldato è preziosa e facciamo il possibile per evitare di metterla a repentaglio. Tuttavia è chiaro che quando si mandano soldati a combattere contro estremisti molto violenti, purtruppo non si può eliminare il rischio".D'altronde, ha proseguito Appathurai, "negli ultimi anni era divenuto chiaro che il numero di civili uccisi era troppo alto, anche se dalle nostre analisi è emerso che sono soprattutto gli estremisti a cercare di attirare raid aerei contro i civili per avere una reazione di ostilità della popolazione contro di noi". Il portavoce ha citato l'esempio di una recente irruzione dei soldati Isaf in un edificio in cui si pensava si nascondessero dei talebani: "i civili sono usciti avvolti in dei burqa, e successivamente è emerso che tra di loro si nascondevano dei talebani. In questi casi, riteniamo che sia meglio lasciarli andare", piuttosto che bombardare indiscriminatamente i siti sospetti.Appathurai ha precisato che ora il supporto aereo viene coinvolto solamente "quando le vite dei soldati sono chiaramente a rischio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA