Venerdì 07 Agosto 2009

Benzina/ Scajola: Poca concorrenza, qualche sospetto di cartello

Roma, 7 ago. (Apcom) - "Siamo nel libero mercato e sono contento che ci siamo. Siamo un Paese democratico libero e la concorrenza è quella che decide il prezzo del prodotto. Da noi forse ce n`è troppo poca pur essendo molti i concorrenti, con qualche sospetto di cartello. Ecco il motivo della convocazione e del forte richiamo fatto ai petrolieri". Ad affermarlo, ai microfoni di 'Radio anch'io' è il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola. "Debbo però dire con altrettanta fermezza - ha aggiunto - che non si può neppure rincorrere chi vuol far credere che il prezzo della benzina in Italia sia in grande difformità rispetto agli altri paesi europei. Noi abbiamo una tassazione che è al di sotto della media europea con un costo della benzina che oscilla tra lo 0,2 e 0,3 in più della media europea per i consumatori alla pompa". Ma questo "anche perché in Italia abbiamo un vezzo: non vogliamo servirci della benzina da soli, ma vogliamo che ce la serva qualcun altro. Negli altri Paesi europei soltanto il 20% degli automobilisti se la fa servire, in Italia più del 70% la vuole servita".

Mlp

© riproduzione riservata