Sabato 08 Agosto 2009

Negli Usa più donne al volante dopo aver assunto alcool e coca

New York, 8 ago. (Apcom) - Per i sociologi è una conseguenza dell'affermarsi di una cultura delle pari opportunità negli Stati Uniti, ma, per una volta, non è una buona notizia. Le donne americane bevono sempre di più e la percentuale di quelle che assumono stupefacenti è in rapida crescita. Lo rivelano disarmanti statistiche sugli arresti di automobilisti in stato di ebbrezza. Con una postilla inquietante: quando c'è una donna ubriaca al volante, spesso c'è anche un bambino seduto sul sedile posteriore. In termini assoluti la maggior parte degli incidenti stradali continua ad essere provocata dagli uomini, che continuano a bere più delle donne, ma il gap si sta chiudendo. Sulla base di dati dell'Fbi, la percentuale di donne incriminate per guida in stato di ebbrezza nel 2007 era del 28,8 per cento più alta rispetto al 1998, mentre quella degli uomini arrestati in circostanze simili è diminuita del 7,5 per cento. Il dato prende in considerazione il 56 per cento delle contee americane ma, secondo gli addetti ai lavori, ha rilevanza statistica. Perché ci sono sempre più donne che si danno all'alcool e alla cocaina? Le donne sono sottoposte a sempre maggiori pressioni sia a casa che sul posto di lavoro, guidano di più e inoltre lo fanno in maniera progressivamente sempre più spericolata. "Sono in particolare donne giovani - commenta Chris Cochran, responsabile per la sicurezza stradale della California - si sentono forti come gli uomini e hanno cominciato a comportarsi nella stessa maniera". C'è anche chi pensa che siano tutti castelli in aria: se la percentuale di donne è cresciuta nelle statistiche è soprattutto perché i controlli della polizia sugli automobilisti sono più rigorosi rispetto a dieci anni fa.

Emc

© riproduzione riservata