Sabato 08 Agosto 2009

Sicurezza/ 'Avvenire': Reato di clandestinità è persecuzione

Roma, 8 ago. (Apcom) - Il reato di clandestinità rischia di essere "stru­mento persecutorio" nei confronti di "migliaia e migliaia di immigrati che abbiamo accolto nel­la nostra vita quotidiana, traendone piccoli e grandi profitti": è la denuncia del quotidiano dei vescovi 'Avvenire' nel giorno in cui entrano in vigore le norme del pacchetto sicurezza. "Uno Stato ha diritto-­dovere di stabilire le norme del vivere civile e del civile stare e restare nei suoi confini, e ha anche il compito di evitare che si consolidino situa­zioni di irregolarità e di abuso", scrive il vicedirettore Marco Tarquinio in un editoriale di prima pagina. "Il 'reato di clan­destinità' ha, però, in sé la carica negativa di un giudizio sommario e ingiusto. Non solo perché nessun essere umano può mai essere definito 'clandestino' sulla faccia della Terra, ma perché nella concreta realtà italiana questo reato - l`ab­biamo raccontato e dimostrato, facendo crona­ca - rischia di diventare non un`arma contro l`ir­regolarità (di stranieri e italiani) bensì uno stru­mento persecutorio (perché rende più deboli e persino ricattabili) nei confronti di migliaia e migliaia di immigrati che abbiamo accolto nel­la nostra vita quotidiana, traendone piccoli e grandi profitti. La clandestinità - prosegue 'Avvenire' - viene agitata come reato verso chi insidia la sicurezza di tutti, eppure (nono­stante la sanatoria per colf e badanti, anzi anche per certe modalità di quella sanatoria) rischia di colpire duramente chi ha sinora cooperato alla tranquillità di tantissime famiglie. Gli appelli su questo punto - l`abbiamo capito - servono a po­co, perciò c`è solo da sperare che in Parlamento e nel governo si guardi senza paraocchi alla realtà". Quanto alle 'ronde', 'Avvenire' esprime "senza ansia di pregiudizio" un giudizio attendista: "Aspettiamo la prova dei fatti", scrive Tarquinio. "I nomi testimoniano la sostanza delle cose. E se non ci appassiona più di tanto la disputa tra chi parla di 'rondisti' e chi di 'osservatori', ci inte­resserà - eccome - conoscere invece i nomi (e gli statuti) che le associazioni si daranno e che i Comuni accetteranno. Sono quei nomi pro­grammatici che aiuteranno a capire che cosa nelle diverse realtà si ha in mente di fare, con quali intenzioni e con quanta chiarezza di valo­ri civici. Sono quei nomi che consentiranno di cogliere se c`è un genuino spirito di servizio a co­munità insidiate da reati di forte allarme socia­le o se prevale una volontà di presa e di control­lo. In definitiva, è anche attraverso quei nomi che potremo renderci conto se, in Italia, si sta ar­ricchendo lo straordinario mondo delle iniziative di impegno gratuito e disinteressato 'per' o minaccia di strutturarsi un pericoloso associa­zionismo 'contro'".

Ska

© riproduzione riservata