Sabato 08 Agosto 2009

Vacanze/ Sabato del bollino nero: in coda senza problemi

Roma, 8 ago. (Apcom) - Un paio d'ore per prendere il traghetto che porta in Sicilia. Code per passare la frontiera, a Chiasso come a Trieste, e poi qualche frana, sulla statale Sorrentina e sul passo dello Stelvio, che impone cambi di direzioni, giri a vuoto, prima di arrivare alla sospirata meta, località di villeggiatura. E' un quadro meno nero del previsto quello del sabato che ha portato un bel pezzo d'Italia in vacanza, proiettando verso il Ferragosto. L'analisi che viene restituita dall'Anas, dalla società Autostrade così come dalla Polizia stradale è quello di una situazione in cui ci sono stati incolonammenti e rallentamenti, ma nessuna sicutazione d'emergenza. Code ci si sono state in direzione sud su l`A1 Milano-Napoli, la A30 Caserta-Salerno, sulla A3 Napoli-Salerno-Reggio Calabria, sul nodo bolognese (A14 dall`allacciamento con A1 e Bologna S. Lazzaro) e fiorentino (da Barberino a Firenze sud), sul tratto dell`A14 compreso tra Bologna San Lazzaro ed Ancona e la A15 della Cisa; e verso nord sull`Autofiori, sul nodo di Mestre (in particolare all`uscita della A4 Venezia-Trieste alla barriera di Lisert), sul Traforo del Monte Bianco, sull`Autolaghi e sulla A22 del Brennero. In serata si registra qualche rallentamento tra Lamezia Terme e Pizzo Calabro, in direzione sud. A Villa San Giovanni si segnalano circa 2 ore di attesa per gli imbarchi per la Sicilia. "Non si sono però mai verificate situazioni critiche né incidenti di rilievo", si spiega. Molto positivo sul nodo di Mestre il bilancio del nuovo piano operativo. Di prima mattina, alle 5,40, quando - a seguito di incidente nel tratto a due corsie della Venezia-Trieste - si è verificato il picco di coda sul Passante di Mestre (11 km), la concessionaria Cav, in accordo con la Polizia Stradale e le altre concessionarie interessate, ha deviato per un'ora il traffico sulla Tangenziale. La manovra di regolazione della circolazione, prevista dal Piano, ha consentito di migliorare la situazione e di smaltire il traffico, con la riapertura del Passante alle ore 6,40. Tutto bene. Anche se l'Antitrust aprirà a breve un'istruttoria sulla gestione del 'Passante' in seguito ai disagi subito dagli automobilisti, rimasti intrappolati lo fine settimana con code di oltre 30 chilometri. L'ipotesi che verrà contestata è quella di pratiche commerciali scorrette: la società concessionaria non avrebbe dato sufficienti informazioni, inducendo gli automobilisti a prendere il Passante, pagando il relativo pedaggio, piuttosto che strade alternative. L'ondata di maltempo che ha investito il Nord-Ovest ha creato qualche disagio. Situazione nella norma visto anche che le precipitazioni in Piemonte e Val d'Aosta, con la piena del Frejus, sono diminuite nel corso della giornata. Sulla statale 38 dello Stelvio, in direzione del passo che collega la provincia di Sondrio a quella di Bolzano, c'è stata una grossa frana e si è reso necessario la chiusura della strada, tra il km 104,000 e il km 104,900, per consentire lo sgombero di alcune case sottostanti il versante montuoso interessato dallo smottamento. Il trafficopresente è stato deviato lungo percorsi di viabilità locale. Anche sulla statale Sorrentina, stamane, c'è stata una piccola frana che ha portato alla caduta di un masso. Dopo le verifiche dei geologi e della Protezione civile, nel pomeriggio, la direttrice è stata riaperta e la situazione del traffico sulla costa è migliorata.

Nav

© riproduzione riservata