Martedì 11 Agosto 2009

Napolitano a Stromboli, relax e low profile. E dal 25 al lavoro

Roma, 11 ago. (Apcom) - Vacanza a tutto relax per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la signora Clio. A casa di amici a Stromboli il Capo dello Stato sta trascorrendo alcuni giorni di riposo ammirando le bellezze del mare delle Eolie. Chiacchierate con amici e nuotate gli unici appuntamenti nella sua agenda. Difficile anche incontrarlo nelle viuzze dell'isola. Quella del presidente è in tutto e per tutto una vacanza 'low profile': Napolitano è giunto sull'isola vulcanica all'alba dello scorso 5 agosto a bordo di un traghetto di linea Siremar partito da Napoli. Accolto al suo arrivo dal sindaco di Lipari Mariano Bruno il Capo dello Stato è salito a bordo di un'auto elettrica che, attraverso il lungomare che si snoda da Scari, ha raggiunto la villetta messa a disposizione dagli amici della coppia. Presente ma discreta la scorta che garantisce tranquillità blindando l'intera area. Dalle Eolie poche le telefonate al Colle, il presidente si è limitato a preparare solo alcuni messaggi tra cui spiccano un richiamo sul tema dell'integrazione proprio nel giorno dell'entrata in vigore del pacchetto sicurezza e un omaggio alla figura del giudice Antonino Scopelliti ucciso dalla mafia. Oggi, invece, ha espresso "viva soddisfazione" per la liberazione dei marinai italiani e dell'equipaggio del mercantile Buccaneer. Napolitano resterà a Stromboli fino alla vigilia di Ferragosto che invece trascorrerà a Castelporziano, alle porte di Roma, con la famiglia. Qualche altro giorno di vacanza nella tenuta presidenziale e poi il presidente, già dalla fine del mese, riprenderà a pieno ritmo la propria attività. Il primo appuntamento in agenda è la cerimonia per il riconoscimento delle Dolomiti come patrimonio mondiale dell'umanità (Unesco) che si terrà a Capo Auronzo il prossimo 25 agosto. Poi il 5 settembre l'intervento in videoconferenza alla sessione "Agenda per l'Europa" del Forum di Villa d'Este a Cernobbio e l'8 settembre, a Roma, la partecipazione alle celebrazioni del 66°anniversario della difesa della città.

Cep

© riproduzione riservata