Martedì 11 Agosto 2009

Innse/ Operai stabilimento non escludono "azioni"

Milano, 11 ago. (Apcom) - Gi operai della Innse invitano "a non abbandonare il presidio" e non escludono di organizzare "certe azioni" se dalla Prefettura non arrivano notizie positive circa il raggiungimento di un accordo sul futuro della fabbrica. "Le trattative continuano e ci dicono che sono a buon punto - ha detto al megafono un portavoce degli operai che da una settimana continuano la protesta da un carroponte all'interno di un capannone - ma per noi non conta niente: alcuni punti sono stati definiti, ma a mettere i bastoni tra le ruote e a giocare al rialzo è ancora Genta (l'attuale proprietario dell'Innse)". "Il gruppo Camozzi - ha proseguito l'ex operaio della Innse conosciuto come Gino - ha dato l'ultimatum: vuole chiudere la trattativa entro mezzanotte, ma Genta rischia di far saltare tutto. Genta deve dimenticarsi della Innse e tornare da dove è venuto; non può pensare di andare avanti all'infinito. Gli operai della Innse - ha concluso - sono in grado di andare in qualsiasi momento a Torino a prenderlo quando non è protetto. Non può nascondersi tutta la vita. Stiamo tutti all'erta".

Mda/Sar

© riproduzione riservata