Mercoledì 12 Agosto 2009

Gb/ Baby P., sui giornali le foto degli assassini

Londra, 11 ago. (Ap) - Lui collezionava cimeli nazisti e possedeva un rottweiler con cui terrorizzava il figlio della compagna. Lei era una casalinga sbadata, che trascorreva la maggior parte del tempo a navigare in internet e fingeva di non vedere gli orribili abusi che venivano commessi sul suo bambino. Tutta l'opinione pubblica britannica conosce il reato per cui sono stati condannati alla reclusione, la morte del piccolo di 17 mesi chiamato baby Peter. Una vicenda che ha sconvolto tutta la Gran Bretagna. Ora tutti conoscono i volti dei responsabili, visto che l'ingiunzione di tribunale che proibiva la pubblicazione delle loro identità è scaduta oggi. Le fotografie della 28enne Tracey Connelly, la madre, e del suo fidanzato 33enne, Steven Barker, campeggiavano oggi su tutti i principali quotidiani del Paese. Gli articoli descrivono inoltre come il padre di baby Peter sia stato accusato di aver picchiato la nonna e di aver violentato una bambina di due anni.

Fco

© riproduzione riservata