Giovedì 13 Agosto 2009

India, satelliti rilevano grave penuria acqua nel nordovest

Roma, 13 ago. (Apcom) - Le regioni nordoccidentali dell'India stanno andando incontro a una grave e pericolosa penuria di acqua dovuta essenzialmente all'abuso dei consumi per le attività agricole. Lo testimoniano le immagini dei satelliti "Grace" che hanno registrato una diminuzione del livello delle riserve di 4 centimetri l'anno. Lo studio pubblicato su Nature - appena due giorni dopo un allarme lanciato dal governo indiano su un'imminente crisi dell'approvvigionamento idrico - rivela che il livello medio delle precipitazioni non è cambiato, ma che invece l'utilizzo dell'acqua è eccessivo, specie a fini agricoli. Attualmente circa un quarto del territorio indiano è a rischio siccità, le piogge monsoniche sono state più deboli della media e in ritardo. Ma i fattori climatici e meteorologici non sono responsabili da soli della carenza d'acqua negli stati del Rajasthan, Haryana e Punjab, secondo lo studio della Nasa. "Nell'ultimo decennio il livello medio delle precipitazioni è rimasto stabile, pur con qualche variazione di anno in anno, ma generalmente non si è arrivati a situazioni di siccità", spiega Matt Rodell, un geologo del Goddard Space Flight Center della Nasa. "Il livello delle falde dovrebbe rimanere stabile in condizioni naturali, se non fosse per uno sfruttamento eccessivo dell'acqua da parte della popolazione, che è quello che crediamo stia accadendo". Tre anni fa la missione Grace (Gravity Recovery And Climate Experiment) rilevò una diminuzione delle falde acquifere in Africa, ma i risultati sull'India, il secondo paese più popoloso del pianeta, sono di gran lunga più preoccupanti. "Su un periodo di sei anni osservato dallo studio, sono stati esauriti 109 chilometri cubici di acque in questa regione, in particolare tra il 2002 e il 2008 è stato consumato oltre il doppio della capacità del più grande bacino idrico dell'India", continua Rodell, intervistato dalla Bbc. Nel nord-ovest, soprattutto, i dati del ministero dell'Ambiente indiano dicono che il consumo di acqua per irrigare le risaie è sette volte superiore a quello delle risaie irrorate dall'acqua piovana.

Fcs

© riproduzione riservata