Lunedì 24 Agosto 2009

Afghanistan, La Russa: Tensione era prevista ma voto è riuscito

Roma, 24 ago. (Apcom) - Le notizie che arrivano dall'Afghanistan, dove anche oggi sono stati attacchi militari italiani, di certo provocano "apprensione", ma il ministro della Difesa Ignazio La Russa, interpellato telefonicamente, preferisce sottolineare la riuscita delle elezioni nel Paese, l'impegno dei soldati italiani e il fatto che fortunatamente non ci siano state vittime: "Anche oggi non c'è stato neanche un ferito italiano e questo dimostra che i nostri mezzi sono adeguati. Nonostante il catastrofismo, le elezioni si sono svolte benissimo. Era previsto e prevedibile che ci sarebbero state maggiori minacce, ma nella nostra zona non ci sono stati incidenti o feriti più del normale, e c'è invece stata un'altissima partecipazione al voto". Era stata prospettata una "carneficina" da parte dei talebani, ma La Russa rileva invece come questi ultimi non siano riusciti a "impedire le elezioni". "Questo non significa che io ogni mattina non mi alzi pronto a ricevere il messaggio che fa il quadro della situazione con grandissima apprensione e preoccupazione. Ma è una preoccupazione soprattutto nostra, perché gli uomini della Folgore si svegliano pronti a fare il proprio dovere, il proprio lavoro come sempre. Rilevo invece il poco riflesso avuto sulla nostra stampa per quanto riguarda i complimenti che l'inviato di Obama" e i rappresentanti della Nato nella regione "hanno fatto ai militari italiani" presenti nell'area. "Nessuno ovviamente immagina che domani sia possibile tornare a casa - rileva La Russa - ma grandi passi avanti sono stati fatti. Immaginate cosa si sarebbe detto se le elezioni si fossero trasformate in una carneficina".

Tom

© riproduzione riservata