Mercoledì 02 Settembre 2009

California lotta ancora contro le fiamme, domato 22% roghi

New York, 2 set. (Apcom) - A quasi una settimana dallo scoppio dei primi incendi in California i vigili del fuoco non sono ancora riusciti a domare le fiamme nelle vicinanze di Los Angeles. Nelle ultime ore le condizioni meteorologiche hanno aiutato le operazioni antincendio, ma i due fronti a nord e a sud si sono rinforzati durante la notte e ancora adesso appena il 22% dei roghi è sotto controllo. A peggiorare la situazione sono i forti venti arrivati da sud che hanno spinto ulteriormente le fiamme all'interno della Angeles National Forest. Attualmente ci sono 3.600 uomini a combattere contro le fiamme. Centinaia di case sono state evacuate anche nelle contee più a nord, tra Littlerock e Agua Dulce, dove i pompieri temono un'improvvisa ripresa delle fiamme a causa del clima secco che ha reso ancora più difficili gli interventi. Una situazione drammatica che ha costretto complessivamente all'evacuazione di 2.000 case in pochi giorni, mentre il fumo alzatosi dai boschi californiani è stato trasportato dai venti fino a oltre mille chilometri di distanza. Negli ultimi giorni almeno 62 edifici sono stati letteralmente divorati dalle fiamme e lo stesso governatore dello Stato, Arnold Schwarzenegger, è apparso in una conferenza stampa per invitare i cittadini a seguire le istruzioni dei soccorritori e a non restare nelle case minacciate dalle fiamme. Da tre giorni i vigili del fuoco cercano di mettere in sicurezza la torre delle comunicazioni e l'osservatorio astronomico che si trovano su Mount Wilson, dove nella notte sono saltate le prime connessioni telefoniche. Se le fiamme arrivassero alle antenne sarebbero a rischio, secondo le forze dell'ordine, le comunicazioni cellulari di tutta la zona e le trasmissioni di circa 50 stazioni radio e televisive.

Bat-Emc

© riproduzione riservata