Sabato 05 Settembre 2009

Afghanistan, Frattini:Sfida nuovo governo si gioca in 150 giorni

Stoccolma, 5 set. (Apcom) - Il nuovo governo afgano che si formera' al termine di queste elezioni presidenziali ha meno di sei mesi per vincere la sua sfida, il tempo che correra' prima della nuova primavera, stagione nella quale ci saranno nuovamente condizioni favorevoli per attacchi terroristici. Ne e' convinto il ministro degli Esteri Franco Frattini, che na ha parlato con i giornalisti al termine di un vestice informale iniziato ieri a Stoccolma con i suoi colleghi della Ue. "Dobbiamo chiedere al nuovo governo la messa a punto di un programma a corto e medi termine - ha spiegato Frattini riassumendo il suo intervento di questa mattina - .Sono convinto che la sfida del nuovo esecutivo si giochera' in 150 giorni dal suo insediamento, prima cioe' che torni la primavera e che si creino condizioni climatiche favorevoli per nuove azioni terroristiche. Entro quel tempo il nuovo governo dovra' aver gia' raggiunto dei risultati tangibili". Frattini ha poi ricordato il suo sostegno all'idea, accolta dalla Ue, di organizzare entro l'inizio del prossimo anno a Kabul una "solenne firma di un contratto del nuovo governo con la comunita' internazionale". Il ministro ha annunciato che a questo evento in via di organizzazione parteciperanno "38 ministri degli Esteri, che sono quelli della Nato e di tutti i Paesi che partecipano all'impegno internazionale in Afghanistan". In quella occasione, ha spiegato, "dovra' essere firmato un impegno politico del nuovo governo verso la comunita' internazionale per l'implementazione del suo programma e nel contempo si sancira' solennemente la nostra attenzione a come si sviluppera' la prima fase della nuova amministrazione". In particolare Frattini ha posto l'accento sull'importanza di seguire le nomine dei governatori delle Province, "perche' abbiamo verificato che dove si scelgono persone non corrrotte il rapporto con noi funziona, dove invece ci sono uomini corrotti i talebani dilagano".

Lor

© riproduzione riservata