Mercoledì 09 Settembre 2009

Donne, Napolitano: Anche in Italia violenze raccapriccianti

Roma, 9 set. (Apcom) - Anche in Italia e "in paesi evoluti e ricchi come l'Italia dotati di costituzioni e sistemi giuridici altamente sensibili ai diritti fondamentali delle donne continuano a verificarsi fatti raccapriccianti, in particolare, negli ultimi tempi, di violenza di gruppo contro donne di ogni etnia giovani e meno meno giovani" . E' la denuncia che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lancia parlando alla conferenza internazionale sulla violenza contro le donne in corso alla Farnesina. Il capo dello Stato ha osservato come "un qualsiasi contesto il pieno riconoscimento la concreta affermazione dei diritti umani costituisca un'innegabile pietra di paragone della condizione effettiva delle popolazioni. "ed ha facile constatare che - ha concluso - sono soprattutto le donne a soffrire in tutte parti del mondo, della limitazione o privazione dei diritti fondamentali. Ma Napolitano lancia oggi anche un richiamo alla "non discriminazione" e contro ogni forma di violenza nei confronti della comunità omosessuale. E ricorda come sia "di indubbia attualità il richiamo alla non discriminazione cui ci vincola la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Ue, che indica tutti i possibili motivi di discriminazione da mettere al bando". Tra questi c'è anche l'orientamento sessuale. "Quest'ultima innovativa nozione - conclude il Presidente - va ricordata e sottolineata nel momento in cui l'intolleranza, la discriminazione, la violenza, colpiscono persone e comunità omosessuali".

Vep/Cuc/Fva

© riproduzione riservata