Russia: a Togliatti si passa da auto vere a quelle giocattolo

Russia: a Togliatti si passa da auto vere a quelle giocattolo Ma i lavoratori appaiono scettici

Russia: a Togliatti si passa da auto vere a quelle giocattolo
Roma, 17 set. (Apcom-Nuova Europa) - Di certo, produrranno lo stesso prodotto: le auto. Solo saranno diverse le dimensioni e l'uso. I dipendenti dell'AvtoVAZ di Togliatti rischiano infatti di doversi riconvertire dalle automobili alle automobiline, nel senso di automobili-giocattolo. Lo scrive il Moscow Times, riprendendo le dichiarazioni del ministero dell'Industria russo e di una casa produttrice di giocattoli."Intendiamo creare un complesso di fabbriche e un ufficio progetti per produrre giocattoli di alta qualità e poco costosi a Togliatti e per creare altro lavoro", ha detto il presidente della Gran Toys Alexander Molvinsky in un'intervista. "Quello di cui abbiamo bisogno - ha continuato - sono prestiti a lungo termine, per i quali il governo speriamo ci possa aiutare, un prezzo d'affitto sovvenzionato e una procedura di certificazione semplificata per i nostri prodotti".La società produttrice di giocattoli, fondata nel 1999, importa prodotti dalla Bielorussia, dalla Cina e dalla Polonia e li vende in Russia attraverso la sua catena di 50 punti vendita. Il governo, dal canto suo, approva il progetto.L'AvtoVAZ, che nello stabilimento di Togliattigrad produceva la storica Zhigulì, l'auto fatta su licenza Fiat sul modello della 124 protagonista della motorizzazione di massa sovietica, ha recentemente annunciato un forte ridimensionamento della sua forza lavoro, con 5mila esuberi.L'idea della riconversione, secondo quanto scrive il Moscow Times, trova scettici i lavoratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA