Martedì 22 Settembre 2009

Pirateria musicale, sir Elton John sposa linea dura

Roma, 22 set. (Apcom) - Bloccare le connessioni internet di chi si ostina a scaricare illegalmente musica. Una misura drastica per colpire la pirateria, che - scrive il Guardian - trova anche sir Elton John tra i suoi sostenitori. "Sono dell'opinione - si legge in una lettera indirizzata al ministro del Commercio britannico, Lord Mandelson - che l'incontrollata proliferazione del downloading illegale (anche su basi "non commerciali") avrà un effetto gravemente nocivo sui musicisti e in particolare giovani musicisti e quei compositori che non sono artisti che si esibiscono". Una lettera che arriva dopo il fallimento delle trattative per ricomporre la spaccatura sulla pirateria nell'industria musicale: un gruppo di artisti che comprende Nick Mason dei Pink Floyd, Billy Bragg e Tom Jones ha accusato di "testardaggine" le etichette discografiche. Questi ultimi sono membri della Fac (Featured Artists Coalition), della quale fanno parte anche Annie Lennox e Dave Rowntree dei Blur. La Fac si è a sorpresa staccata dal resto dell'industria musicale annunciando pubblicamente di "aver raggiunto un accordo per dissentire" con le case discografiche sulla proposta di bloccare le connessioni internet. Ma il dibattito divide anche i grossi nomi: Lily Allen, James Blunt ed Elton John si sono tutti schierati con la Fac.

Fco

© riproduzione riservata